5 prodotti cancerogeni che sarebbe meglio eliminare dalle nostre abitazioni

5 prodotti cancerogeni che sarebbe meglio eliminare dalle nostre abitazioni

Lo sapevate che spesso la nostra casa rappresenta il luogo più pericoloso e insidioso in cui vivere? Tantissime trappole e oggetti mettono a repentaglio (e a nostra insaputa) la salute nostra e di tutta la famiglia. Ma allora che fare?

Intanto, leggetevi questa guida e fate attenzione a quali sono i 5 prodotti cancerogeni che sarebbe meglio eliminare dalle nostre abitazioni. Grazie ai consigli di InRan, a fine lettura, sarete in grado di identificare e di eliminare tutti i prodotti nocivi dalle vostre case. Si tratta di articoli che di norma vengono impiegati per la pulizia della casa e delle auto, ma che racchiudono agenti chimici cancerogeni come formaldeide, nitrobenzene, cloruro di metilene, napthelene, tossine riproduttive e interferenti endocrini.

Quindi, passiamo in rassegna i 5 prodotti cancerogeni di cui sarebbe meglio fare a meno.

  1. I deodoranti quasi sempre racchiudono napthelene e formaldeide che è potenzialmente capace di irritare le mucose, di provocare dermatiti da contatto e asma bronchiale. L’Iternational Agency for Research on Cancer ha raggruppato la formaldeide come una essenza con “sufficiente evidenza” di cancerogenicità per l’animale e “limitata” per l’uomo.
  2. Le vernici e le tinture per le pareti includono quasi sempre agenti tossici. Quindi, abbandonate tali prodotti e preferite soluzioni ecologiche.
  3.  Gli sgrassatori per le automobili quasi sempre rappresentano delle sostanze ad alta tossicità. Durante il loro utilizzo è bene tenerli ad una apposita distanza di sicurezza e lontani da fonti di calore.
  4. Attenti alle candele classiche e sostituite le stesse a quelle realizzate in cera d’api con stoppini di cotone. Assolutamente da scartare quelle composte con la paraffina rilasciano fuliggine se accese.
  5. I saponi per tappeti e tappezzeria contengono tantissimi principi attivi dannosi. Quindi, cercate di utilizzare sempre sostanze naturali, quali il bicarbonato di sodio, ad esempio, inquinano meno e sono davvero low cost.
Comments are closed.