Ecco come incomincia il miracolo della vita

Ecco come incomincia il miracolo della vita

Si sa, l’essere umano è il miracolo più grande dell’universo.

Il periodo di gestazione è sicuramente uno dei momenti più belli che una donna possa vivere, ricco di sensazioni e anche di traguardi emozionanti che segnano l’inizio di una nuova vita dentro di sé. Al contempo stesso però è un periodo pieno di dubbi e domande: quali sono gli esami a cui bisogna sottoporsi? Qual è la giusta alimentazione da adottare? Quali sono i disturbi che eventualmente si presenteranno in questi nove mesi?

In quest’articolo vi propongo passo dopo passo tutto ciò che dovete sapere per affrontare al meglio la vostra gravidanza.

Quando una donna è in dolce attesa, il corpo tende gradualmente a trasformarsi: oltre all’accrescimento della pancia, si possono verificare anche altri cambiamenti come ad esempio la produzione di colostro, l’ingrossamento del seno ecc..

Il primo evidente segno di gravidanza è sicuramente l’assenza di mestruazioni, mentre il sintomo più frequente che rende manifesto l’inizio di una gestazione è la nausea, seguita spesso dal vomito. Tuttavia si possono avvertire anche altri sintomi come: frequente stimolo ad urinare, secrezioni vaginali, stanchezza, sbalzi di umore.

Al termine del primo mese di vita l’embrione è un piccolo esserino. Alla quinta settimana il cuore inizia a battere!

Generalmente la futura mamma si accorge di essere incinta verso la quarta o al massimo la quinta settimana.. Ora bisogna cambiare lo stile di vita, evitare le fatiche eccessive e seguire una corretta e sana alimentazione.

Generalmente l’alimentazione del primo trimestre non differisce da quella usuale. L’unica accortezza da prendere in considerazione che durante i primi tre mesi di gravidanza, è necessario aumentare il consumo di proteine, perchè sono fondamentali per il proseguimento della gestazione. Anche l’acqua tuttavia, ha la sua importanza. Bere durante la gestazione è di vitale importanza sia per la mamma che per il bambino. Per la mamma è necessario bere perchè in questo modo si purificano i reni, e il rischio di contrarre infezioni urinarie si riduce del 20%.

Fino all’ottava settimana non è possibile stabilire il sesso del feto. La certezza si ha soltanto alla seconda ecografia, ma spesso con le nuove apparecchiature è possibile stabilirlo alla prima osservazione.

Lo sviluppo motorio inizia verso la nona settimana. Verso la dodicesima, il piccolo si muove per oltre il 12% del tempo.

Il gusto è uno dei primi sensi che si attivano. La papille gustative compaiono verso la dodicesima settimana, ed entro la sedicesima, il piccoletto è già in grado di sentire il sapore del liquido amniotico.

Verso la venticinquesima settimana, il cervello del feto è già sviluppato. Il feto non si limita solamente a recepire parole e suoni, ma è stato appurato che è in grado di poterli memorizzare e riconoscerli anche dopo la nascita.

Inoltre, negli ultimi tre mesi di gestazione, il pargoletto è capace di distinguere non solo il timbro di voce dei genitori, ma anche canzoncine e favole.

Infatti è consigliabile che i futuri genitori si rivolgano al piccoletto il più possibile cercando di accarezzare la pancia in modo tale da stimolare il contatto.

All’ottavo mese lo sviluppo fisico del bambino è completo. Alla trentaduesima settimana, il bambino si mette a testa in giù per prepararsi alla nascita.

Ormai il piccolo potrebbe venire al mondo tra un momento all’altro.

Comments are closed.